Home»Ricette Cocktail»Gin Tonic: ricetta, storia e abbinamenti del long drink per eccellenza

Gin Tonic: ricetta, storia e abbinamenti del long drink per eccellenza

3
Shares
Pinterest WhatsApp

Il long drink forse più famoso e diffuso al mondo. Stiamo parlando del Gin Tonic, cocktail la cui origine è legata alla cura della malaria ed è merito della Compagnia Britannica delle Indie Orientali.

Vediamo quindi la storia del drink, ingredienti e ricetta del Gin Tonic, oltre a qualche suggerimento per l’abbinamento con il cibo.

Storia del Gin Tonic

Un cocktail nato come medicina. L’origine del Gin Tonic risale all’epoca del dominio britannico in India, quando questa “miscela” era stata pensata per combattere la malaria, malattia curabile con erbe medicinali. Il gin è stato inventato infatti per aiutare la circolazione sanguigna, mentre l’acqua con chinino da cui deriva la tonica serviva proprio a curare la malaria. I due elementi miscelati rendevano più facile “mandar giù” questa medicina.

Sembra infatti che il Gin Tonic sia nato nel ‘700 per sostenere proprio i soldati dell’esercito inglese di stanza in India. Una ricetta semplice e gustosa che ha riscosso subito grande successo, diffondendosi rapidamente in tutta Europa e rendendo questo drink uno dei classici della mixology mondiale.

Gin Tonic: gli ingredienti

Due semplici ingredienti, tantissime sfumature. Come suggerisce il nome, per fare il Gin Tonic servono solo il gin e l’acqua tonica, oltre ovviamente a tanto ghiaccio come per tutti i drink e una scorza di limone come garnish. Rientra quindi perfettamente tra i cocktail che puoi preparare a casa con. pochi ingredienti.

Ma le sfumature di gusto di questo cocktail sono davvero infinite. L’aroma del nostro Gin Tonic può variare infatti a seconda delle botaniche presenti nel gin e nella tonica che sceglieremo. Ogni prodotto può dare un tocco diverso al drink.

Combinazioni differenti da sperimentare, così come vale la pena provare anche con l’aggiunta di alcuni grani di pepe o di un rametto di rosmarino.

Il bicchiere

Per il Gin Tonic si usano normalmente bicchieri come il tumbler o l’highball, ma recentemente è sempre più utilizzato un grande bicchiere Balloon.

Gin Tonic: la ricetta

Ecco dosi e procedimento passo passo per la preparazione della ricetta del Gin Tonic.

Gin tonic_ricetta

Gin Tonic

Preparazione 2 min
Portata Aperitivo, cocktail, Drinks

Ingredienti
  

  • 150 ml acqua tonica
  • 50 ml gin
  • ghiaccio
  • 1 scorza di limone

Istruzioni
 

  • Riempire il bicchiere con tanto ghiaccio.
  • Versare il gin.
    Gin tonic_ricetta
  • Aggiungere l'acqua tonica.
    Gin tonic_ricetta
  • Mescolare leggermente.
  • Concludere con una fettina di limone.

Video

Keyword aperitivo, drink, gin tonic, gin tonic ricetta, idee per aperitivo, ricette cocktail,

Gli abbinamenti

Il Gin Tonic è un drink molto versatile. Nell’abbinamento col cibo possiamo sentirci liberi di accostarlo quasi a tutto. Va bene sia come aperitivo che come cocktail a tutto pasto. La componente gasata del Gin Tonic lo rende ad esempio un ottimo alleato per sgrassare fritture e piatti grassi. Mentre gli abbinamenti per concordanza dipendono molto dagli aromi e le botaniche che caratterizzano il gin.

L’abbinamento più originale è sicuramente quello che ci propone Chef Deg nel video qui sotto: carbonara fredda al gin. Da provare assolutamente!

Voglia di celebrare il Gin & Tonic day? Qui trovi 5 sfumature diverse di questo drink internazionale.

Previous post

HSE, il rum bianco che arriva dalle Antille

Next post

Sabatini Gino°, il distillato analcolico nato nel cuore della Valdichiana

4 Comments

  1. […] il suo cocktail bar dalla mattina al pomeriggio. Il drink altro non è che una rivisitazione del classico Gin Tonic, pensato in una variante ‘mattutina’, con un cordiale poco alcolico a base di mela […]

  2. […] Leggi anche: Gin Tonic: ricetta, storia e abbinamenti del long drink per eccellenza […]

  3. […] Zhero Citrus Zest con il gin nella preparazione di un gin tonic […]

  4. […] Per sapere tutto sul drink, leggi anche:Gin Tonic: storia, ingredienti e ricetta […]

Rispondi