Home»Ricette Cocktail»Negroni: ricetta, storia, abbinamento e varianti

Negroni: ricetta, storia, abbinamento e varianti

0
Shares
Pinterest WhatsApp

Il Negroni è uno dei cocktail più famosi al mondo. Il suo gusto deciso e la sua ricetta semplice gli hanno regalato un successo senza tempo. Infatti è uno dei simboli dell’Italia a livello internazionale: a inventarlo è stato un italiano e due dei suoi ingredienti principali sono prodotti italiani. Il Vermouth e il Bitter nascono infatti a Torino e Milano e legano il loro successo alle grandi aziende italiane che li hanno resi celebri nel mondo: Cinzano, Martini e Campari.

Ecco quindi la ricetta del Negroni, la sua storia, l’abbinamento consigliato dallo chef e le varianti del cocktail.

La storia

Il Negroni nasce tra il 1917 e il 1920. Non è certa la data, ma sappiamo benissimo che l’invenzione di questo cocktail è merito del conte Camillo Negroni, che gli ha dato il nome, ed è avvenuta a Firenze, al Caffè Casoni.

Il conte, nobiluomo amante della bella vita, un giorno chiese al barman e amico Folco Scarselli di modificare il suo solito drink, un mix di bitter e vermouth rosso. Come? Rendendolo più robusto con l’aggiunta del gin.

Da quel momento in molti hanno cominciato a chiedere al barman fiorentino il drink “alla maniera del conte Negroni“. Così è nato uno dei cocktail più famosi al mondo. Puoi leggere la storia completa in questo mio articolo su InformaCibo.

negroni

Gli ingredienti

Gli ingredienti per preparare il Negroni sono tre: vermouth rosso, bitter e gin. La ricetta del cocktail prevede che vengano usati in parti uguali, con tanto ghiaccio e una fettina di arancia come guarnizione. Il risultato finale è un drink dal gusto robusto e amaro, ma ben bilanciato. Un cocktail perfetto come aperitivo, ma che si presta a essere bevuto anche dopo una buona cena.

Ma il drink inventato dal Conte ha due illustri predecessori. Ovvero il Torino-Milano cocktail antico che si prepara con vermouth rosso, bitter e mezza fettina di arancia, e l’Americano, grande classico della mixology che si realizza con vermouth rosso, bitter, soda.

Negroni: la ricetta

Negroni_ricetta cocktail

Negroni

Preparazione 2 min
Portata Aperitivo, Drinks
Cucina Italiana

Equipment

  • Jigger
  • Bar Spoon

Ingredienti
  

  • 30 ml Gin
  • 30 ml Vermouth rosso
  • 30 ml Bitter
  • 1 fettina arancia
  • ghiaccio

Istruzioni
 

  • Riempire il bicchiere di ghiaccio per raffreddarlo.
  • Usando un jigger, il dosatore dei bartender, aggiungere il gin.
    Negroni_versare il gin
  • Versare quindi il vermouth rosso.
    Negroni_aggiungere vermouth rosso
  • Aggiungere il bitter.
    Negroni_bitter
  • Mescolare con il bar spoon.
    Negroni_mescolare con il bar spoon
  • Guarnire con una fettina d'arancia.
    Negroni_guarnire con arancia
Keyword aperitivo, cocktail,, drink, negroni cocktail, ricette cocktail,

L’abbinamento con il Negroni

Abbiamo detto che il Negroni ha un gusto deciso e particolarmente amaro. Quindi cosa possiamo abbinarci per un aperitivo buono e diverso dal solito? L’idea ce la suggerisce Stefano De Gregorio, alias Chef Deg, che in questa video ricetta ci propone un accostamento saporito con il salmone marinato.

Ecco il tuo abbinamento con il Negroni. Facile e veloce da fare.


Se invece ti stai chiedendo dove bere un buon Negroni, qui ti consigliamo alcuni dei migliori locali in cui andare.


Le varianti

Da un cocktail di successo come il Negroni non potevano che nascere moltissime varianti. A cominciare da quella più conosciuta e nata al Bar Basso di Milano per errore: ovvero il Negroni Sbagliato. Versione in cui al posto del gin è previsto lo spumante Brut.

Oltre allo Sbagliato, è molto famoso anche il cugino francese di questo drink: il Boulevardier, cocktail raffinato ma dal gusto decisamente diverso.

Mai sentito parlare poi Negroski? E del Cardinale? Per approfondire, qui ti raccontiamo le dieci varianti del Negroni più famose. Buona lettura e buon aperitivo!

Previous post

Dolcetto o Scherzetto? I cocktail Sanpellegrino per Halloween

Next post

Birra e ... pizza fritta: l'abbinamento perfetto

No Comment

Rispondi