Cent’anni di Negroni: ricetta originale e 10 varianti per tutti i gusti

Cocktail di origine italiana e divenuto simbolo del momento dell’aperitivo in tutto il mondo, il Negroni nel 2019 ha compiuto cent’anni. Il segreto del suo successo? Sicuramente la ricetta semplice e ben bilanciata.

La storia del Negroni inizia al Caffé Casoni a Firenze. Un giorno il conte Camillo Negroni chiese al barman Folco Scarselli di rendere più robusto il mix di bitter e vermouth rosso che era consuetudine bere all’epoca. Come? Aggiungendo del buon gin. In poco tempo, il drink “alla maniera del Conte Negroni” è diventato per tutti semplicemente il Negroni.

Negroni: ricetta originale 

  • 30ml di Gin 
  • 30ml di Bitter
  • 30ml di Vermouth rosso 
Negroni ricetta originale

Ma il Negroni, così come lo conosciamo oggi, ha avuto due importanti predecessori:

  • Il Torino-Milano: vermouth rosso, bitter, mezza fettina di arancia;
  • L’Americano: vermouth rosso, bitter, soda.

E tanti altri discendenti. Ecco quindi 10 celebri varianti del Negroni.

Negroni Sbagliato: la ricetta

Una variante nata per errore, come suggerisce chiaramente il nome. Il Negroni Sbagliato nasce a Milano, al Bar Basso, negli anni Sessanta quando il bartender Mirko Stocchetto al posto del gin ha messo per errore dello spumante Brut.

  • 30ml di Bitter
  • 30ml di Vermouth rosso 
  • 30ml di Prosecco (spumante Brut) 

Guarnizione: una fetta di arancia.

Il Cardinale: la ricetta 

Un cocktail nato a Roma, negli anni 50. All’Hotel Excelsior di via Veneto, un cardinale era solito farsi preparare un cocktail con gin, bitter e vino Riesling della Mosella. Il barman un giorno gli propose una variante del Negroni con il vermouth dry al posto di quello rosso e lo chiamò appunto il Cardinale.

La ricetta originale del Cardinale

  • 30ml di Gin 
  • 30ml di Bitter
  • 30ml di Riesling della Mosella 

La ricetta del barman

  • 30ml di Gin 
  • 30ml di Bitter
  • 30ml di Vermouth Dry 
negroni varianti ricetta

Mezcal Negroni: la ricetta 

L’ingrediente di questa versione ci porta direttamente in Messico. Al posto del Gin usiamo il Mezcal, liquore messicano che si ricava dall’agave e che può avere molte sfumature differenti.

  • 30ml di Mezcal 
  • 30ml di Bitter
  • 30ml di Vermouth rosso 

Guarnizione: scorza di arancia 

Negroski: la ricetta  

Ci spostiamo ad est per questa variante del Negroni. Sostituiamo il Gin con la Vodka, decoriamo con una fetta d’arancia e il gioco è fatto. 

  • 30ml di Vermouth rosso
  • 30ml di Bitter
  • 30ml di Vodka

Guarnizione: una fetta di arancia

Il Bencini: la ricetta  

Di questa versione del Negroni non si sa praticamente nulla riguardo alle origini e alla sua storia. Il risultato è sicuramente più esotico perché la ricetta del Bencini prevede di usare il Rum bianco al posto del Gin.

  • 30ml di Vermouth rosso
  • 30ml di Bitter
  • 30ml di Rhum bianco

Guarnizione: mezza fetta d’arancia.

Japanese Negroni: la ricetta  

Torniamo a est, ma stavolta andiamo in Asia. Il Negroni giapponese si prepara utilizzando un grande classico nipponico – il Sakè – al posto del Gin.  

  • 30ml di Vermouth rosso
  • 30ml di Bitter
  • 30ml di Sakè
Boulevardier Cocktail negroni

Boulevardier: la ricetta  

Il cugino francese del Negroni. Il Boulevardier prende il nome dall’omonima rivista parigina, è nato negli anni ’20 e prevede il Whisky al posto del Gin. Quindi prepariamoci a un risultato finale molto diverso dal classico Negroni.  

  • 30ml di Vermouth rosso
  • 30ml di Bitter
  • 30ml di Whisky

Guarnizione: una ciliegina o scorza di limone

Il Dutch Negroni: la ricetta

Questa variante del Negroni ci porta in Olanda, come suggerito dal nome. Il Dutch Negroni si realizza sostituendo il Gin con il Bols Genever, un distillato al gusto di ginepro, molto diffuso nei Paesi Bassi e in Belgio.  

  • 30ml di Vermouth rosso
  • 30ml di Bitter
  • 30ml di Bols Genever
negroni cocktail

Punt e Mes Negroni: la ricetta  

Un Negroni italianissimo. In questa variante, il classico vermouth rosso (il Martini è il più diffuso) viene sostituito dal Punt e Mes, uno storico vermouth italiano. 

  • 30ml di Punt e Mes
  • 30ml di Bitter
  • 30ml di Gin

Guarnizione: una fetta di arancia.   

Rabarbaro Negroni: la ricetta  

Questa versione è opera di Tommaso Cecca del Café Trussardi. Il vermouth rosso viene sostituito con il succo di rabarbaro e anche il gin è infuso al rabarbaro. 

  • 30ml di Succo di Rabarbaro
  • 30ml di Bitter
  • 30ml di Gin

E tu quale versione del Negroni preferisci?

Rispondi