Home»Ricette Cocktail»L’Uomo in più, il drink ispirato al film di Paolo Sorrentino

L’Uomo in più, il drink ispirato al film di Paolo Sorrentino

0
Shares
Pinterest WhatsApp

Un drink di ispirazione cinematografica che ci porta agli inizi della carriera da regista di Paolo Sorrentino. Giovanni Torre – bar manager e proprietario del Circus Cocktail Bar di Catania – ha infatti ideato L’uomo in più, cocktail ispirato all’omonimo film del regista napoletano del 2001.

L’ispirazione: gli esordi di Paolo Sorrentino

Il bartender catanese Giovanni Torre si ispira a ‘L’uomo in più‘, film d’esordio del suo regista preferito, Paolo Sorrentino, cui ha già dedicato il drink Youth. La quarantena è stata dura per tutti, ma Sorrentino per Giovanni si è confermato, ancora una volta, una garanzia. La storia di due uomini (un cantante e un calciatore con lo stesso nome, Antonio Pisapia), entrambi alla fine della propria carriera e con una forte voglia di rivalsa verso la vita. L’ispirazione arriva ogni volta che un film, un monologo in particolare, provocano la pelle d’oca. E così, nel film, il cantante interpretato da Toni Servillo, in diretta tv nazionale alla fine del film si lancia in un monologo che comprende la frase “Dicono che la cocaina faccia perdere la memoria: è na strunzata. Me la ricordo tutta la cocaina che mi sono tirato“. Un monologo che ha ispirato un drink dal sapore amaro e acido, un po’ come è stata la vita dei due protagonisti.


Scopri qui tutti gli altri drink ispirati al mondo del cinema


L’Uomo in più, la ricetta del drink

Barman  

Giovanni Torre (Circus Cocktail Bar – Catania)

Ingredienti

  • 5 cl VII Hills Italian Dry Gin
  • 6 cl bitter cordial (bitter, acids, sale, zucchero)

Bicchiere

coppetta

Garnish

spiga di grano

Preparazione

  • Versare il VII Hills Gin e il cordiale in un mixing glass e mescolare con del ghiaccio fin quando non si raggiunge la giusta temperatura.
  • Versare in una coppetta, guarnire con una spiga di grano e gustare!
Previous post

Vini sardi, i tesori della terra dei nuraghi

Next post

Lugana, il grande vino bianco del Garda

No Comment

Rispondi