Home»Spirits»Roku Gin, aromi e tradizioni del Sol Levante

Roku Gin, aromi e tradizioni del Sol Levante

0
Shares
Pinterest WhatsApp

Cominciamo un aromatico giro del mondo con gli spirits. Un viaggio tra spiriti e distillati – acquistabili anche online – che in questa prima tappa ci porta in Giappone. Il prodotto di cui andiamo alla scoperta è il Roku Gin.

Il Roku Gin e il numero 6

Ispirato all’arte giapponese, Roku Gin si svela al palato con 6 botaniche originali, in un gin multistrato perfettamente bilanciato.

Nelle linee esagonali della bottiglia il gusto tradizionale del gin si alterna con richiami alle quattro stagioni: fiori e foglie di Sakura celebrano la primavera, i tè Sencha e Gyokuro riscaldano come d’estate, l’autunno avanza nelle note di pepe Sansho e precede l’inverno con la nota fresca e pungente della scorza di Yuzu.

Il suo aroma è floreale e dolce, la texture liscia e setosa, e il risultato finale un mix di spezie e botaniche che creano un gin autentico e unico. 

Roku, prodotto da Suntory, in lingua giapponese, rappresenta il numero 6. Ogni elemento è ricercato per raccontare una storia che viva di sé in ogni prospettiva: sei sono le botaniche che lo rappresentano, così come i lati della bottiglia che le racchiudono. È un esagono di sapori e profumi che ammaliano a ogni sorso, svelando un pò di questa terra incantevole e di un gin sorprendente, del quale innamorarsi tutte le volte.

È nella distilleria di Suntory, a Osaka, che prendono forma una varietà di liquori e spiriti giapponesi originali. Dalla natura vengono ricercati gli ingredienti più delicati, lavorati con artigianalità locale in modo perfetto: in ogni produzione c’è un pezzo di Giappone, di bellezza, di eleganza artistica. Con il lancio del primo gin nel 1936, Suntory ha scritto l’inizio dei suoi successi, dando forma a oltre 100 anni di sogni e passione. Condivisi e amati in tutto il mondo.

Roku Gin

Roku Gin: la scheda tecnica

  • Aroma: dolce e floreale
  • Gusto: stratificato e armonico
  • Formato: 70 cl
  • Volume: 43%
  • Prezzo medio al pubblico: 25 euro
Previous post

Infinity Gauntlet, il drink del supereroe (cattivo)

Next post

Blanc de Blancs ... e risotto di Natale

2 Comments

  1. […] Qui trovi invece la tappa giapponese del nostro viaggio negli spirits. […]

  2. […] Qui trovi invece la tappa giapponese del nostro viaggio negli spirits e qui quella italiana. […]

Rispondi