Home»Ricette»Squarciò, il cocktail di Leandro Serra

Squarciò, il cocktail di Leandro Serra

0
Shares
Pinterest WhatsApp

Nuovo cocktail ispirato al mondo del cinema, e in questo caso anche della letteratura. Leandro Serra – bar manager del The Duke Cocktail Lounge Bar de La Maddalena (OT) e vice-presidente Aibes – ci propone oggi la ricetta del suo Squarciò, drink dalla doppia ispirazione.

L’ispirazione: il film La lunga strada azzurra

Il drink è ispirato al film La lunga strada azzurra, diretto da Gillo Pontecorvo e tratto dal romanzo Squarciò, di Franco Solinas. Ispirazione che si lega alla provenienza sarda del barman Leandro Serra, vice-presidente Aibes, che vive e lavora a La Maddalena, dove è ambientata la storia e luogo di origine dello sceneggiatore e scrittore Franco Solinas – cui è dedicato il prestigioso Premio Solinas – e del personaggio principale, Squarciò, interpretato nel film da Yves Montand.

E il drink si ispira, a partire dal suo colore blu, simile al mare smeraldo de La Maddalena, a questa storia di un pescatore che fa uso di bombe per pescare, personaggio particolare in quel periodo storico dell’arcipelago, quando il suo modo di lavorare non era ben visto dagli altri pescatori. Il finale del film, come del drink, è un pò amaro, con la morte del protagonista, nel tentativo di recuperare dell’esplosivo per la pesca.

Leandro Serra bar manager

Squarciò, la ricetta del drink

Barman

Leandro Serra (The Duke Cocktail Lounge Bar, La Maddalena)

Ingredienti

  • 3 cl rum Centenario
  • 2 cl liquore Strega
  • 0,5 cl Blue Curaçao
  • 5 cl latte di mandorle

Bicchiere

Old Fashioned

Garnish

una violetta commestibile

Preparazione

  • Con la tecnica dello shake&strain, versare in uno shaker il ron Centenario, il Blue Curaçao, il Liquore Strega e infine il latte di mandorla.
  • Shakerare vigorosamente, versare in un bicchiere Old Fashioned e colmare di ghiaccio tritato, in modo da dare la sensazione della spuma del drink che sbatte sugli scogli.
  • Decorare con una violetta commestibile.
Previous post

White Lady e petto di quaglia

Next post

5 locali dove bere un ottimo Negroni (+2)

No Comment

Rispondi