Home»Ricette Cocktail»Cocktail con vodka: i classici con abbinamenti gourmet

Cocktail con vodka: i classici con abbinamenti gourmet

0
Shares
Pinterest WhatsApp

Dici Vodka e subito viene in mente la Russia… o la Polonia. Sì perché l’origine di questo distillato, che si può ottenere da cereali (orzo, segale e grano) e patate, è contesa tra i due paesi. Prodotta pura o in versione aromatizzata, la vodka è alla base di moltissimi cocktail.

Dopo aver visto i cocktail con gin e quelli a base di rum, ecco quindi una selezione di cocktail con vodka per i tuoi aperitivi, con suggerimenti per abbinamenti gourmet.

Screwdriver

Ricetta semplicissima, due ingredienti per un drink tutto da provare. Lo Screwdriver si prepara con vodka e succo d’arancia ed è buono in tutte le occasioni. Il nostro amico Chef Deg propone di gustarlo in abbinamento con un aperitivo a base di aringa e uova di salmone.

Cosmopolitan

Nella lista dei cocktail con vodka non poteva mancare il Cosmopolitan, uno dei cardini della mixology internazionale. Un drink fresco, ma allo stesso tempo robusto, che si prepara con vodka, triple sec, succo fresco di limone e succo di mirtillo rosso.

Il food pairing giusto? Chef Massimo Spallino suggerisce di abbinarlo a una purea al caviale di salmone.

Leggi anche:
Cosmopolitan: Ricetta, ingredienti, storia e abbinamenti

Moscow Mule

L’incontro casuale, ma di successo, di due ingredienti. Come racconta infatti la storia di questo drink, il Moscow Mule sancisce il “matrimonio” tra vodka e ginger beer. Un accoppiata a cui basta aggiungere il lime per ottenere un cocktail facile da fare e rinfrescante. C’è chi aggiunge anche il cetriolo.

L’abbinamento suggerito dallo chef: ostrica e tapioca al lime.

Leggi anche:
Moscow Mule, ricetta originale e storia del cocktail
Moscow Mule, 3 idee gourmet per i tuoi abbinamenti

Bloody Mary

Con questo nome “sanguinario” il Bloody Mary non può che essere uno dei cocktail con vodka più intriganti del panorama della mixology. Si prepara unendo la vodka con il succo di pomodoro e di limone e aggiungendo la salsa Worcester, oltre al Tabasco (se gradito). Un’ottima idea per un drink con cui pasteggiare.

Per un abbinamento gourmet, lo chef suggerisce una deliziosa focaccina con pomodoro e basilico.

Leggi anche:
Bloody Mary cocktail: ricetta, storia e abbinamenti

Vodka Martini

Il cocktail preferito di James Bond. Come suggerisce il nome, il Vodka Martini è un classico della mixology a base di vodka e vermouth dry. Si prepara in una coppetta ghiacchiata e per essere come piace a 007 deve essere agitato, non mescolato.

L’abbinamento suggerito dallo chef: crostini limone e acciughe.

Long Island Iced Tea

Questo è il drink che troviamo in tutte le raccolte, nel senso che è un cocktail dal tenore alcolico molto elevato perché contiene diversi spirits. Il Long Island Iced Tea è un cocktail con vodka, ma anche con gin e rum bianco. Senza dimenticare il triple-sec. Insomma una “bomba”, che lo chef consiglia di accompagnare con alette di pollo glassate.

Previous post

L'Irlandese Piemontese, il drink ispirato a Quei Bravi Ragazzi

Next post

Sanpellegrino Cocktail e Peperone crusco

No Comment

Rispondi