Home»Ricette»Rugantino, il cocktail di Carnevale con rosolio di bergamotto

Rugantino, il cocktail di Carnevale con rosolio di bergamotto

0
Shares
Pinterest WhatsApp

Da Trastevere arriva il cocktail per festeggiare il Carnevale 2020. Un drink a base di Italicus – rosolio di bergamotto – ispirato alla maschera romana di Rugantino. Il bar manager del locale romano Freni e Frizioni, Riccardo Rossi, ha realizzato infatti un cocktail creativo che unisce l’aroma italiano alla modernità di spirito e proprio come la maschera romana “non è come spesso appare”.

Rugantino nella storia rappresenta il tipo arrogante, il gradasso di Trastevere, che da fuori mostra la sua forza, in realtà è un animo buono e amabile. Allo stesso modo, il cocktail Rugantino, preparato con Italicus, sembra robusto e “arrogante” come un Negroni, ma nel gustarlo si percepisce tutta la sua delicatezza.

Rossi ha ideato questo aperitivo nel suo locale, nel cuore di Trastevere, con il gusto fresco e le note agrumate del bergamotto, quel frutto che ricorda l’atmosfera mediterranea con brio e dolcezza.

Il Rugantino è composto da Italicus, Vino Americano, distillato analcolico di ginepro, cordial di pomodoro e qualche goccia di bitter mediterraneo Freni e Frizioni. È un cocktail pulito dall’aspetto chiaro e minimalista.

Dietro al bancone il bar manager romano usa tutto il suo istinto e la sua esperienza per miscelare un cocktail leggero e divertente, come gli scherzi di Carnevale, perfetto per un aperitivo. Il garnish suggerito è un maccherone di pasta soffiata al sapore di cacio e pepe ideato in collaborazione con chef Marco Martini, che riprende nel colore il rosso, il classico cappello di Rugantino.

Rugantino, la ricetta del cocktail

Ingredienti

  • 40 ml di Italicus, Rosolio di Bergamotto
  • 20 ml di Vino Americano
  • 15 ml di distillato analcolico al ginepro
  • 15 ml di cordial di pomodoro
  • 3 gocce di Bitter Mediterraneo Freni e Frizioni

Preparazione

  • Unire e miscelare gli ingredienti
  • Dosare le gocce di bitter
  • Guarnire con lo snack di pasta soffiata
Previous post

San Valentino, 4 drink per la festa degli innamorati

Next post

White Lady e petto di quaglia

No Comment

Rispondi