Home»Spirits»Lucius Dry Gin, nasce il primo gin al gorgonzola

Lucius Dry Gin, nasce il primo gin al gorgonzola

0
Shares
Pinterest WhatsApp

Abbinato al ginepro piemontese della Val d’Ossola e al sentore di sottobosco di muschi e licheni, Lucius Dry Gin si propone come una nuova “esperienza” da bere, dal sapore di tradizione e innovazione.

Ispirato a San Lucio, patrono dei caseari e del gorgonzola, sbarca ufficialmente nel mondo della mixologia Lucius Dry Gin, distillato in cui il protagonista assoluto è il re dei formaggi DOP dell’area piemontese-lombarda. Tagliato, sciolto o spalmato, il gorgonzola conosce da sempre un’inestimabile fortuna nella cucina italiana e ora entra per la prima volta nel mondo degli spiriti.

L’idea nasce da tre giovani piemontesi, Alessandro BellettiAlessandro Romussi e Fabio Mainini, fondatori della startup Alfa Spirits. Dopo diversi mesi di studio e di esperimenti condotti con passione, Alfa Spirits è riuscita a valorizzare una delle eccellenze del territorio piemontese-lombardo, oggi prodotta per più del 60% nel novarese, provincia di origine della società. Trovato il miglior modo per distillare il gorgonzola, si sono ricercate le botaniche che permettessero di ingentilirne al meglio il sapore, componendo un mix raffinato, intrigante e spensierato.

Per poter creare un gin il più possibile piemontese è stato usato il ginepro che cresce naturalmente sulle montagne della Val d’Ossola, punta settentrionale della regione che guarda verso la Svizzera. Questa varietà è caratterizzata da un gusto particolarmente aromatico e da intense note resinose che ben si accompagnano ai sapori forti del gorgonzola. Grazie alla collaborazione con raccoglitori locali e con aziende agricole biologiche, Alfa Spirits sostiene l’utilizzo consapevole delle risorse naturali attraverso un accurato procedimento di raccolta manuale.

A far da legante ai due ingredienti principali sono stati aggiunti alla ricetta muschi e licheni, botaniche inusuali nel mondo del gin ma che, grazie a note sia erbose che legnose, permettono di conferire al prodotto un sapore più complesso in grado sfumare i contorni, di armonizzare, senza coprire gli altri elementi.

Lucius Dry Gin

Alessandro Belletti, uno dei soci di Alfa Spirits: “La nostra storia è nata un po’ “per caso”: siamo tre ragazzi che le coincidenze della vita hanno portato ad essere cognati. Dalla semplice passione abbiamo iniziato a studiare e a sperimentare fino a dare forma alle nostre idee. Eravamo soliti chiamare i nostri primi esperimenti “Alfa” – acronimo dei nostri nomi – e dai primi tentativi Alfa 1, Alfa 2 oggi siamo diventati Alfa Spirits”.

La nostra produzione è realizzata in piccoli lotti secondo un procedimento artigianale e controllato, che permette di bilanciare al meglio tutti gli ingredienti” spiega Alessandro Romussi, socio di Alfa Spirits “Lo studio e la conoscenza delle materie prime, unita all’esperienza nella distillazione di un noto mastro aromatiere da quarant’anni attivo nel torinese, consente di dar vita a un prodotto sempre equilibrato e armonioso”.

Fabio Mainini, terzo membro della società: “L’obiettivo è stato fin da subito quello di valorizzare il territorio in cui siamo nati e cresciuti: una zona a cavallo tra Piemonte e Lombardia conosciuta soprattutto per la nebbia e per il “neh” come intercalare, ma che in realtà offre prodotti di eccellenza che meritano di essere apprezzati a pieno”.

Di Lucius Dry Gin ne parla anche Cinzia Ferro, una delle migliori barlady italiane, proprietaria del locale Estremadura Cafè a Verbania: “Quando ho incontrato per la prima volta i ragazzi di Alfa Spirits ho subito visto in loro tutto ciò su cui il bartending dovrebbe puntare: sono giovani, intraprendenti, impegnati nella valorizzazione del territorio da cui provengono attraverso un prodotto originale, fresco e di carattere, dotato di forte identità e immediatamente riconoscibile”.

Lucius Dry Gin è ufficialmente entrato nell’immenso mondo della mixologia prestandosi allo stesso tempo ad essere degustato in purezza o ad essere miscelato in cocktail sia da aperitivo che da after dinner. E perché non provarlo in cucina? Sul sito internet della società (www.alfaspirits.it) i più curiosi potranno già trovare originali consigli “da bere” e “da mangiare” ideati ad hoc da noti chef e bartender.

Previous post

Aviation Gin & Tonic, un drink a base di Gin Mare

Next post

Tutto Bianco, il cocktail Gamondi per l'estate

No Comment

Rispondi