Home»Ricette Cocktail»Il Conte va a Kyoto: il twist sul Negroni di Elena Palmerini

Il Conte va a Kyoto: il twist sul Negroni di Elena Palmerini

0
Shares
Pinterest WhatsApp

Creatività allo stato puro per questo twist sul Negroni. Il Conte va a Kyoto è il nome del drink creato da Elena Palmerini, bartender, F&B digital creator e consulente toscana. Una variante del cocktail italiano con influenze orientali tutta da scoprire.

L’ispirazione del drink

Nel drink Il Conte va a Kyoto, una delle sue tre ricette dedicate al Giappone, Elena Palmerini unisce, in un processo osmotico, la propria passione per il Paese del Sol Levante con il classico dei classici italiani, il Negroni.

Questo drink iconico, uno dei più bevuti al mondo, nato a Firenze nel 1919, fu ideato dal conte Camillo Negroni che, tornato a Firenze da uno dei suoi tanti viaggi, propose al caffè di via de’ Tornabuoni che era solito frequentare, un cocktail all’americana. Nasceva così il Negroni e la sua ricetta a base di un terzo di gin, un terzo di Campari e un terzo di vermouth rosso.

Il twist on classic di Elena Palmerini prevede al posto del gin il shōchū, la tipica acquavite giapponese, mantenendo nella ricetta il sempre elegante Campari, sinonimo di gusto e internazionalità e utilizzando come vermouth rosso il Winestillery, prodotto nel Chianti. A sottolineare il gusto giapponese, le gocce di bitter Umami e l’uso dell’alga bruna wakame, mentre a riportare il gusto giapponese, ma prodotto in Italia, ecco l’uso dell’ama_te’ Matcha bio ice tea. Prodotto dalla trevigiana Bevande Futuriste con un blend della migliore polvere di tè Matcha delle migliori varietà, l’ama_te’ Matcha bio ice tea senza zucchero presenta un’alta concentrazione di proprietà benefiche.

Leggi anche:
Cent’anni di Negroni: ricetta originale e 10 varianti per tutti i gusti

Il Conte va a Kyoto, la ricetta

Bartender

Elena Palmerini

Ingredienti

  • 20 ml shōchū
  • 20 ml Campari
  • 20 ml vermouth rosso Winestillery
  • 20 ml ama_te’ Matcha bio ice tea
  • 2-3 gocce Umami bitter
  • Alga Wakame
  • Olio essenziale di arancia

Bicchiere

tazza giapponese

Garnish

alga Wakame fresca e julienne di arancia

Preparazione

Il cocktail si prepara con la tecnica build, quindi direttamente dove sarà servito il cocktail, in questo caso una tazza giapponese.

  • Inserire un cubo unico grande di ghiaccio (detto big rock), versare le gocce di Umami bitter, i tre ingredienti principali e completare con l’ama_te’ Matcha bio ice tea.
  • Miscelare con eleganza per 7-8 secondi con un bar spoon.
  • Aggiungere delle gocce di olio essenziale all’arancia e guarnire, posizionando un’alga Wakame fresca e una julienne di arancia sulle tipiche bacchette orientali.
Previous post

Absolut lancia Voices, la limited edition che celebra la condivisione

Next post

Modena-Cortona, il cocktail che celebra due eccellenze italiane

No Comment

Rispondi